Un arresto di massa, vergogna nazionale
3 dicembre 2013 – 2:42 am | Nessun commento

Quando una tifoseria, in trasferta all’estero, finisce per essere arrestata dalla polizia; quando 149 tifosi vengono accusati di aver messo in atto violenze; quando 22 di questi vengono mantenuti sotto chiave e probabilmente finiranno sotto …

Leggi tutto il contenuto »
Appuntamenti

tutti gli appuntamenti del Comitato promotore

documenti

archivio documentale del Comitato e del progetto

immagini

Gli attimi più belli dello sport a perenne memoria dell’etica

testimonianze

Sportivi di ieri, di oggi e di domani: quanto l’etica la fa da padrona!

eticatube

Video sul progetto e sullo sport in generale

Home » Primo piano

Scambio di doni e foto, a Coverciano un incontro per dire ‘no al razzismo’

Inserito da il 19 marzo 2013 alle 11:43 amNessun commento

C_2_ContenutoGenerico_35515_upiImageNewsTopEspelli il razzismo dal calcio”. E’ questa la scritta riportata sulla maglia che i calciatori della Nazionale hanno ricevuto da un gruppo di ragazzi stranieri che militano in formazioni dilettantistiche e amatoriali ospiti oggi a Coverciano nell’ambito dell’iniziativa promossa da Unar (Ufficio Nazionale Antidiscriminazione Razziale) e Figc in collaborazione con Uisp e Rete Fare nell’ambito della IX edizione della Settimana di azione contro il razzismo.
Buffon e Balotelli hanno donato le maglie della Nazionale firmate da tutti gli Azzurri ai loro ‘ospiti’, rifugiati politici o richiedenti asilo, immigrati o figli di immigrati nati e cresciuti in Italia dove studiano, lavorano e nel tempo libero giocano a calcio.
“L’incontro è stato un successo – ha detto Buffon in conferenza stampa -  quando le cose vengono fatte in maniera spontanea e accompagnate dal cuore, dai sentimenti, credo siano piccoli segnali che, se presi nel modo giusto, possono solo far migliorare i rapporti e la coesistenza nella nostra società”.
E il segnale che la Federcalcio vuole mandare contro ogni forma di discriminazione non si fermerà all’incontro di oggi, visto che giovedì in occasione dell’amichevole con il Brasile sarà portato in campo uno striscione per dire no al razzismo e nelle prossime settimane saranno ultimati un cortometraggio preparato insieme alla comunità ebraica sulla visita degli Azzurri ai campi di concentramento di Auschwitz e Birkenau e uno spot realizzato con Prandelli e alcuni calciatori.