Un arresto di massa, vergogna nazionale
3 dicembre 2013 – 2:42 am | Nessun commento

Quando una tifoseria, in trasferta all’estero, finisce per essere arrestata dalla polizia; quando 149 tifosi vengono accusati di aver messo in atto violenze; quando 22 di questi vengono mantenuti sotto chiave e probabilmente finiranno sotto …

Leggi tutto il contenuto »
Appuntamenti

tutti gli appuntamenti del Comitato promotore

documenti

archivio documentale del Comitato e del progetto

immagini

Gli attimi più belli dello sport a perenne memoria dell’etica

testimonianze

Sportivi di ieri, di oggi e di domani: quanto l’etica la fa da padrona!

eticatube

Video sul progetto e sullo sport in generale

Home » Primo piano

Tolleranza zero contro i simulatori in Premier

Inserito da il 17 settembre 2013 alle 2:37 pmNessun commento

Tolleranza zero nei confronti dei simulatori.  David Moyes, manager del Manchester United  sabato scorso si è si è scatenato contro un suo giocatore, Ashley Young per un maldestro tuffo in area per il quale è stato regolarmente ammonito. “Ho parlato con Young dicendogli che deve smetterla di fare così – ha spiegato Moyes alla vigilia della sfida di Champions League contro il Bayer Leverkusen – ma non so a quanto possa servire. Lo sostenevo già all’Everton e ora che sono allo United non ho cambiato idea: contro i cascatori è necessaria la prova tv”. Ma come informa il “Daily Mail”, le controversie nate dal tuffo di Young e soprattutto il rigore fin troppo generoso concesso allo United sono costate all’arbitro Jon Moss lo stop di un turno, mentre sarà Howard Webb a dirigere l’atteso derby di Manchester di domenica prossima.

(fonte Gazzetta dello sport)

 

Lascia un commento!

Inserisci il tuo collegamento qui sotto, oppure trackback dal tuo sito. In alternativa puoi seguire i commenti via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.