Un arresto di massa, vergogna nazionale
3 dicembre 2013 – 2:42 am | Nessun commento

Quando una tifoseria, in trasferta all’estero, finisce per essere arrestata dalla polizia; quando 149 tifosi vengono accusati di aver messo in atto violenze; quando 22 di questi vengono mantenuti sotto chiave e probabilmente finiranno sotto …

Leggi tutto il contenuto »
Appuntamenti

tutti gli appuntamenti del Comitato promotore

documenti

archivio documentale del Comitato e del progetto

immagini

Gli attimi più belli dello sport a perenne memoria dell’etica

testimonianze

Sportivi di ieri, di oggi e di domani: quanto l’etica la fa da padrona!

eticatube

Video sul progetto e sullo sport in generale

Home » Rassegna stampa

Kaka’ infortunato, si sospende lo stipendio

Inserito da il 18 settembre 2013 alle 12:18 amNessun commento

Milano, 16 settembre 2013 - Ricardo Kakà starà fuori un mese. In casa Milan è emergenza assoluta. Il brasiliano, colpito duro alla caviglia durante la sfida contro il Torino, ha riportato una lesione all’adduttore che lo costringerà a restare fuori per trenta giorni. A smorzare la delusione di Galliani il gesto di Kakà che ha annunciato che rinuncerà al suo stipendio per tutto il periodo in cui resterà in infermeria: “Ieri per me è stata una brutta giornata – ammette – Non me l’aspettavo un infortunio così. Ho parlato con la società, con Galliani e ho deciso che non voglio niente dal Milan tranne che sostegno e affetto fino a quando non starò di nuovo bene e sarò disponibile a giocare. Ho deciso di autosospendermi lo stipendio per questo periodo, chiedo solo sostegno e affetto per guarire bene e già oggi ho iniziato le cure. Il vostro affetto – continua Kakà rivolgendosi ai tifosi – e quello che ho sentito in questi giorni mi da’ la carica per tornare in campo il prima possibile, spero di iniziare presto a dare delle gioie a voi e a me”. “Ieri ho ricevuto una telefonata affranta di Kakà – ha detto Adriano Galliani – Piangeva e mi ha detto: io voglio sentire il vostro affetto e ripagarvi di tutto quello che avete fatto per me. Non voglio un centesimo finchè non torno a giocare”.

 

(fonte La Nazione)

Lascia un commento!

Inserisci il tuo collegamento qui sotto, oppure trackback dal tuo sito. In alternativa puoi seguire i commenti via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.