Un arresto di massa, vergogna nazionale
3 dicembre 2013 – 2:42 am | Nessun commento

Quando una tifoseria, in trasferta all’estero, finisce per essere arrestata dalla polizia; quando 149 tifosi vengono accusati di aver messo in atto violenze; quando 22 di questi vengono mantenuti sotto chiave e probabilmente finiranno sotto …

Leggi tutto il contenuto »
Appuntamenti

tutti gli appuntamenti del Comitato promotore

documenti

archivio documentale del Comitato e del progetto

immagini

Gli attimi più belli dello sport a perenne memoria dell’etica

testimonianze

Sportivi di ieri, di oggi e di domani: quanto l’etica la fa da padrona!

eticatube

Video sul progetto e sullo sport in generale

Home » "Studio Ipotesi" di Fulvio Carbone

Razzismo negli stadi: etica vs violenza

Inserito da il 18 settembre 2013 alle 4:41 amNessun commento

Si può approvare o meno ma purtroppo il sistema calcio sembra conoscere una sola arma per contrastare i comportamenti violenti dei tifosi: la repressione, la chiusura delle curve, gli stadi desolatamente chiusi, ….

Un modo per non risolvere la questione, paradossalmente uno strumento che rischia di generare malcontento, rabbia e frustrazione, dunque di innescare altra violenza almeno finché resta l’unica strada che si ritiene percorribile.

Credo che si debba provare a cambiare strategia, a cercare vie intelligenti per prevenire e cambiare la cultura del tifo, trovare chiavi di interpretazione del fenomeno per correggere le esagerazione mantenendo viva la passione e la voglia di esprimere la propria identità di parte senza scadere nella volgarità che troppo spesso diventa violenza e devianza.

La mia proposta e’ che si inizi a lavorare per una prospettiva che introduca il concetto di etica anche nella cultura del tifoso da stadio, ponendo al centro di un processo fortemente innovativo anche sul piano della comunicazione le stesse società di calcio, che dovrebbero essere chiamate a sviluppare con i propri tifosi codici e modelli di comportamento eticamente corretti.

In questa direzione penso alle molte azioni da promuovere soprattutto nei contesti che coinvolgono i giovani – dalla scuola alle associazioni fino ai gruppi spontanei – utilizzando strategicamente le parti buone del tifo che pure esistono e che spesso, troppo spesso, sono oscurate da quella sottocultura che aggredisce e offende, e che non arretra di fronte a una curva malinconicamente chiusa.

 

Lascia un commento!

Inserisci il tuo collegamento qui sotto, oppure trackback dal tuo sito. In alternativa puoi seguire i commenti via RSS.

Be nice. Keep it clean. Stay on topic. No spam.